Il cielo del mese – Novembre 2013

Il mito di Andromeda e Perseo in un dipinto di Pierre Mignard (1612-1695)

Il mito di Andromeda e Perseo in un dipinto di Pierre Mignard (1612-1695)

Nelle serate autunnali la costellazione di Andromeda è in posizione ottimale per l’osservazione, come evidenzia la mappa del cielo allo zenit. Entro i suoi confini possiamo localizzare la galassia M31, considerata la gemella della nostra Via Lattea, l’oggetto celeste più distante visibile a occhio nudo come un debole batuffolo luminoso. In buone condizioni di cielo e senza il disturbo di luci, un semplice binocolo permette di apprezzarla in tutta la sua maestosità (figura)

Costellazioni

Mappa del cielo allo Zenit

Mappa del cielo in direzione Sud

Mappa del cielo in direzione Nord

Mappa del cielo in direzione Ovest

Mappa del cielo in direzione Est

Le mappe celesti sono riferite alle coordinate geografiche di Alessandria e mostrano il cielo visibile a metà mese alle ore 20.30 circa.

Visibilità dei pianeti

solar_system_illMercurio – In congiunzione inferiore al primo del mese, il pianeta riappare a est-sud-est un’ora prima dell’alba il giorno 9. Raggiunge la massima elongazione ovest il giorno 18 e questo offrirà la migliore opportunità di osservazione nel cielo del mattino in tutto il 2013.

Venere – Tramonta circa due ore e mezza dopo il Sole e resta ben visibile al crepuscolo in direzione sud-ovest, anche se non particolarmente alto sull’orizzonte. Sarà alla massima elongazione est a inizio mese e la sua luminosità cresce fino a -4,7.

Marte – Sorge più di cinque ore prima del Sole, per cui è osservabile nella seconda parte della notte. A metà mese passerà dalla costellazione del Leone a quella della Vergine.

Giove –  Con il passare dei giorni anticipa sempre più la sua levata e a metà mese la finestra di osservabilità nei Gemelli è già superiore alle otto ore. Il giorno 7 inizia il suo moto retrogrado.

Saturno – Inosservabile per quasi tutto il mese, è in congiunzione superiore il giorno 6. A partire dal giorno 20 riapparirà basso sull’orizzonte est-sud-est e il giorno 30 sorgerà due ore prima dell’alba.

Principali fenomeni celesti

02 – Una sottile falce di Luna sfiora Spica, la stella principale della Vergine. La congiunzione è visibile all’alba all’orizzonte est-sud-est (mappa).

03 – Luna Nuova (distanza: 370.489 km)

03 Eclisse di Sole visibile dall’Oceano Atlantico e in tutto il continente africano. L’evento è piuttosto particolare, in quanto l’eclisse inizia anulare (sequenza) e termina totale (sequenza): si parla in questo caso di eclisse ibrida. I paesi da cui si potrà osservare il disco solare completamente oscurato sono il Gabon, il Congo, l’Uganda, il Kenya e l’Etiopia. Dall’Italia, per la precisione dalle regioni meridionali e insulari, del fenomeno sarà visibile soltanto una piccola fase parziale, 10% al massimo (mappa 1Google Maps).

10 – Primo quarto di Luna (distanza: 372.149 km)

17 – Luna Piena (distanza: 396.284 km). 

17  Massima attività dello sciame meteorico delle Leonidi, associato alla cometa 55P Tempel-Tuttle, il cui periodo si estende dal 10 al 23 del mese. Abitualmente con un tragitto breve e rapido, alcune meteore possono raggiungere magnitudine zero. La loro velocità media è 70 km/sec, con un tasso orario medio di circa 15 meteore/ora. Le previsioni riguardanti l’attività degli sciami meteorici sono pubblicati dall’IMO (International Meteor Organization). Il periodo migliore per l’osservazione è la seconda parte della notte, purtroppo disturbata dalla luce lunare.

21 – La cometa periodica 2P Encke (periodo 3,3 anni) effettua il suo 62° passaggio al perielio, il punto dell’orbita più vicino al Sole, dal giorno della sua scoperta. Dovrebbe raggiungere una magnitudine di 4,6 e il giorno 25 si troverà a meno di un grado dalla cometa ISON. L’osservazione sarà tuttavia problematica, data la scarsa elevazione sull’orizzonte rischiarato dalla luce del crepuscolo.

22 – Il Sole entra nel segno astrologico del Sagittario. In realtà è all’interno dei confini della Bilancia fino a domani.

23 – Il Sole fa il suo ingresso, ovviamente in senso prospettico, nella costellazione dello Scorpione.

25 – Ultimo quarto di Luna

28 – La cometa ISON transita al perielio a soli 1,16 milioni di chilometri dagli strati più esterni del Sole.

Sole

                            1° novembre      15 novembre     30 novembre        Sorge                   07h 04m               07h 23m               07h 42m                                Culmina               12h 09m               12h 10m               12h 14m                           Tramonta             17h 15m              16h 58m               16h 46m                                      Ore di luce         10h 11m               09h 35m               09h 05m

Fasi lunari

Fasi Lunari nov

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...