Il cielo del mese – Aprile 2014

Marte

Alle 22.57 di martedì 8 aprile il pianeta Marte si troverà all’opposizione, cioè la differenza di longitudine geocentrica tra il pianeta rosso e il Sole sarà di 180°. Dicendolo in termini più semplici, si verificherà un allineamento Marte-Terra-Sole (schema).

Teoricamente, in questa configurazione il diametro apparente del pianeta è massimo e la sua distanza dalla Terra è minima. In pratica, per la forte eccentricità dell’orbita marziana, le due condizioni non si verificano lo stesso giorno: infatti la separazione minima tra i due pianeti (92,4 milioni di km) si avrà il giorno 14. Non si ripeteranno le favorevoli condizioni dell’agosto 2003, quando la distanza fu di “soli” 56 milioni di km, ma è soltanto all’opposizione che si possono osservare con maggiore facilità alcuni dettagli della superficie marziana. Quest’anno l’emisfero boreale, e in particolare la calotta polare nord, saranno ben orientati per l’osservazione telescopica. La prossima opposizione avverrà il 22 maggio 2016 (schema)

 

Costellazioni

Mappa del cielo allo Zenit

Mappa del cielo in direzione Sud

Mappa del cielo in direzione Nord

Mappa del cielo in direzione Ovest

Mappa del cielo in direzione Est

Le mappe celesti sono riferite alle coordinate geografiche di Alessandria e mostrano il cielo visibile a metà mese alle ore 21.30 circa.

Visibilità dei pianeti

solar_system_illMercurio – Non osservabile per tutto il mese, immerso nella luminosità solare a causa della bassa inclinazione dell’eclittica.

Venere – Sorge 90 minuti circa prima del Sole, ed è sempre visibile senza difficoltà nel chiarore dell’aurora. Anche nel caso di Venere, la bassa inclinazione dell’eclittica manterrà il pianeta basso sull’orizzonte sud-orientale fino al mese di luglio, con un moto apparente che sembrerà farlo scivolare parallelamente all’orizzonte stesso.

Marte – Le condizioni di osservabilità sono ottimali, in quanto il pianeta rosso è in opposizione il giorno 8. Sorge quindi al tramontare del Sole ed è visibile praticamente per tutta la notte nella costellazione della Vergine, in moto retrogrado, non lontano dalla stella Spica.

Giove –  Le condizioni di osservabilità diminuiscono inesorabilmente, ma ancora per buona parte del mese nelle prime ore della sera sarà facilmente localizzabile per la sua luminosità tra le stelle dei Gemelli, alto sull’orizzonte in direzione sud-ovest.

Saturno – Sorge circa tre ore dopo il tramonto a inizio mese e soltanto un’ora dopo il giorno 30. Al contrario di Giove, Le condizioni di osservabilità migliorano sensibilmente, in vista dell’opposizione del mese prossimo, in occasione della quale si svolgerà la serata “Occhi su Saturno” a Pecetto e in contemporanea in tutto il territorio nazionale.

Principali fenomeni celesti

03 – Alle 23.59 la Terra passa esattamente a 1 Unità Astronomica (UA) dal Sole, pari a 149.597.870 km (8,31 minuti-luce).

07 – Primo quarto di Luna (distanza: 403.476 km)

08 – Il pianeta Marte si trova in opposizione rispetto al Sole.

14Marte si trova al perigeo, il punto della sua orbita più vicino alla Terra, a 92,4 milioni di km (0,61 UA)

14 – Già dalle prime ore della sera è possibile osservare una bella configurazione, formata dalla Luna piena con Marte e Spica nella costellazione della Vergine (mappa)

15  Luna Piena (distanza: 385.099 km).

15 – Eclisse totale di Luna visibile in tutto il continente americano, dall’Alaska alla Patagonia.

17 – La Luna gibbosa calante è in congiunzione con Saturno nelle ore che precedono l’alba (mappa)

19 – Il Sole entra nella costellazione dell’Ariete

20 – Domenica di Pasqua (articolo su AlessandriaNews). Quest’anno si verifica la corrispondenza tra Pasqua cattolica e Pasqua ortodossa, fatto che non avviene spesso in quanto la Chiesa Ortodossa segue il calendario giuliano anziché quello gregoriano.

20 – Il Sole fa il suo ingresso nel segno zodiacale del Toro, ma nel cielo reale si trova entro i confini dell’Ariete.

22 – Ultimo quarto di Luna (distanza: 369.886 km)

29 – Luna Nuova (distanza: 382.042 km)

29 – Seconda eclissi del mese, questa volta di Sole. Dopo 20 eclissi parziali, il ciclo Saros 148 produce la sua prima eclissi di Sole anulare, ma l’asse dell’ombra lunare sfiora soltanto la superficie terrestre. Viene perciò classificata come eclissi non centrale e la fase anulare dura 0 secondi! Zona di visibilità: Antartide e Australia

Sole

                                1° aprile           15 aprile           30 aprile                                               Sorge                   07h 07m            06h 42m           06h 17m                                           Culmina                 13h 30m            13h 26m           13h 23m                                       Tramonta               19h 52m            20h 10m           20h 28m                                           Ore di luce            12h 45m            13h 28m           14h 11m

Fasi lunari

Fasi Lunari apr

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...