Il cielo del mese – Gennaio 2016

LUNA E CINQUE PIANETI VISIBILI A OCCHIO NUDO - 31 GENNAIO 2016 ORE 07.00

LUNA E CINQUE PIANETI VISIBILI A OCCHIO NUDO – 31 GENNAIO 2016 ORE 07.00

L’ultima volta che i pianeti visibili ad occhio nudo apparvero simultaneamente sulla volta celeste fu oltre 10 anni fa, dal 15 dicembre 2004 al 15 gennaio 2005. Tale configurazione si presenterà nuovamente per un periodo di circa un mese, nelle ore precedenti il sorgere del Sole, a partire dal prossimo 20 Gennaio. I pianeti a cui si fa riferimento sono Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno, osservabili facilmente senza ausili ottici e per questo conosciuti dai nostri antenati da tempo immemorabile.

Le mappe mostrano la posizione della Luna rispetto a questi cinque pianeti nel periodo 27 gennaio – 6 febbraio, allo scopo di facilitarne la localizzazione. La linea verde raffigura l’eclittica, il piano dell’orbita terrestre proiettato sulla volta celeste. Sono inoltre indicate due stelle brillanti, Antares nello Scorpione e Spica nella Vergine. Il gigante Giove è il primo pianeta a sorgere nelle ore serali, seguito da Marte dopo la mezzanotte e in successione Saturno, Venere e Mercurio.

Figura 1a

Luna e pianeti nel periodo 27 gennaio – 1° febbraio. Prima dell’alba in direzione sud-sudovest

Figura 2a

Luna e pianeti nel periodo 1-6 febbraio. Prima dell’alba in direzione sudest-sud

 

Costellazioni

Mappa del cielo allo Zenit

Mappa del cielo in direzione Sud

Mappa del cielo in direzione Nord

Mappa del cielo in direzione Ovest

Mappa del cielo in direzione Est

Le mappe celesti sono riferite alle coordinate geografiche di Alessandria e mostrano il cielo visibile a metà mese alle ore 21.00 circa.

Visibilità dei pianeti

Solar System

 

 

 

 

 

Mercurio – In congiunzione inferiore il giorno 14, è visibile durante la prima settimana dell’anno immerso nella luce del crepuscolo. Migliori possibilità di osservazione a occhio nudo dopo il giorno 20, in direzione est-sudest, quando sorgerà fino a 90 minuti prima del Sole.

Venere – Sempre brillante nel cielo sud-orientale, sorge circa 3 ore prima del Sole.

Marte – Riconoscibile per il suo colore rossastro, è osservabile nella Bilancia nella seconda parte della notte, sorgendo infatti sei ore prima dell’alba.

Giove – Ben posizionato nella Vergine, sorge poche ore dopo il tramonto ed è quindi visibile per gran parte della notte.

Saturno – La finestra di osservabilità prima dell’alba aumenta gradualmente da due ore a inizio anno fino a quattro ore a fine mese, in direzione sud-est. Bella congiunzione con Venere la mattina del giorno 9.

Principali fenomeni celesti

– La cometa C/2013 US10 Catalina (foto) passa vicino alla stella Arturo nel Boote. La mappa mostra il percorso dell’astro chiomato nel cielo boreale (da Sky&Telescope). L’immagine è stata ripresa il 6 Dicembre 2015 da Brian D. Ottum in Rancho Hidalgo, New Mexico.

– Ultimo quarto di Luna (distanza: 404.235 km)

– Alle 23h 49m la Terra raggiungerà il perielio, il punto dell’orbita più vicino al Sole, a 147.100.175 km (pari a 0,983 Unità Astronomiche). Il momento del passaggio al perielio può variare tra le 23 del 1° gennaio, come avvenne nel 1989, e le 9 del 5 gennaio, come avverrà nel 2020. Questa differenza è dovuta al moto della coppia Terra-Luna intorno al baricentro comune: i perieli più prossimi si verificano in periodo di Ultimo Quarto, quelli più lontani in periodo di Primo Quarto.

– Tra il 1° e il 5 gennaio la Terra attraversa lo sciame meteorico delle Quadrantidi, uno dei più importanti dell’anno per il suo alto tasso orario di meteore, compreso tra 60 e 200. Il picco di attività è molto limitato, tra le tre e le cinque ore, ed è associato all’asteroide 2003 EH 1. Il nome dello sciame deriva dal fatto che il punto da cui sembrano provenire le meteore (il cosiddetto radiante) si trova fra il timone del Grande Carro e Bootes, nella zona dove era localizzato il Quadrante Murale, una costellazione ormai obsoleta. Il radiante è ben posizionato, quest’anno il massimo si verifica in presenza della Luna calante.

7 – La sottile falce della Luna si trova accanto a Saturno e Venere, all’alba in direzione sud-est (mappa)

9 – Sempre all’alba Venere e Saturno sono in congiunzione, separati di 0,1°

10 – Luna Nuova (distanza: 379.296 km)

13 – La cometa C/2013 US10 Catalina diviene circumpolare alle nostre latitudini. Si trova nella costellazione dei Cani da caccia e si dirige verso la coda dell’Orsa Maggiore.

17 – Primo quarto di Luna (distanza: 370.609 km)

20 Astronomicamente parlando il Sole entra nella costellazione del Capricorno alle ore 13.38, ma per l’astrologia sarà nel segno dell’Acquario a partire dalle 16.27.

24 – Luna Piena (distanza: 387.709 km) .

28 – Visibile nella seconda parte della notte la congiunzione tra Luna in fase calante e Giove, separazione 1,4° (mappa).

Sole

                            1° gennaio        15 gennaio       31 gennaio                                       Sorge                  08h 03m             08h 00m            07h 47m                                           Culmina               12h 29m             12h 35m            12h 39m                                   Tramonta             16h 54m             17h 09m            17h 30m                                             Ore di luce           08h 50m             09h 08m            09h 43m

Fasi lunari

Luna gen16

Fasi Lunari gen

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...